sabato 3 ottobre 2009

è un mondo che non c'è più

è tutto finito e neanche ce ne siamo accorti; la campana è già suonata, non la sentiamo solo perché ha smesso di suonare da tempo, siamo degli zombie irriducibili con ancora un po' di umanità. Un giorno tutto sparirà definitivamente e allora daremo il benvenuto all'umanità 2.0, fino ad allora sarebbe meglio congelarsi ma per ora tiriamo avanti e cerchiamo di stare il più in alto possibile. Un giorno il motore che tutto fa procedere, che viene continuamente spinto verso nuovi limiti, fonderà inesorabilmente. Quel giorno rinasceremo, anzi ci risveglieremo, come da un lungo sonno e ci riapproprieremo della nostra vita.
Una volta ho letto che più che parlare di villaggio globale avremmo fatto bene a chiamarlo monolocale in subaffitto, penso che stia per arrivare lo sfratto...