lunedì 26 dicembre 2011

domenica 16 ottobre 2011

poesia di Valle Giulia o Il Pci ai giovani!!

II PCI ai giovani!!
È triste. La polemica contro
il PCI andava fatta nella prima metà
del decennio passato. Siete in ritardo, figli.
E non ha nessuna importanza se allora non eravate ancora nati...
Adesso i giornalisti di tutto il mondo (compresi
quelli delle televisioni)
vi leccano (come credo ancora si dica nel linguaggio
delle Università) il culo. Io no, amici.
Avete facce di figli di papà.
Buona razza non mente.
Avete lo stesso occhio cattivo.
Siete paurosi, incerti, disperati
(benissimo) ma sapete anche come essere
prepotenti, ricattatori e sicuri:
prerogative piccoloborghesi, amici.
Quando ieri a Valle Giulia avete fatto a botte
coi poliziotti,
io simpatizzavo coi poliziotti!
Perché i poliziotti sono figli di poveri.
Vengono da periferie, contadine o urbane che siano.
Quanto a me, conosco assai bene
il loro modo di esser stati bambini e ragazzi,
le preziose mille lire, il padre rimasto ragazzo anche lui,
a causa della miseria, che non dà autorità.
La madre incallita come un facchino, o tenera,
per qualche malattia, come un uccellino;
i tanti fratelli, la casupola
tra gli orti con la salvia rossa (in terreni
altrui, lottizzati); i bassi
sulle cloache; o gli appartamenti nei grandi
caseggiati popolari, ecc. ecc.
E poi, guardateli come li vestono: come pagliacci,
con quella stoffa ruvida che puzza di rancio
fureria e popolo. Peggio di tutto, naturalmente,
e lo stato psicologico cui sono ridotti
(per una quarantina di mille lire al mese):
senza più sorriso,
senza più amicizia col mondo,
separati,
esclusi (in una esclusione che non ha uguali);
umiliati dalla perdita della qualità di uomini
per quella di poliziotti (l’essere odiati fa odiare).
Hanno vent’anni, la vostra età, cari e care.
Siamo ovviamente d’accordo contro l’istituzione della polizia.
Ma prendetevela contro la Magistratura, e vedrete!
I ragazzi poliziotti
che voi per sacro teppismo (di eletta tradizione
risorgimentale)
di figli di papà, avete bastonato,
appartengono all’altra classe sociale.
A Valle Giulia, ieri, si è cosi avuto un frammento
di lotta di classe: e voi, amici (benché dalla parte
della ragione) eravate i ricchi,
mentre i poliziotti (che erano dalla parte
del torto) erano i poveri. Bella vittoria, dunque,
la vostra! In questi casi,
ai poliziotti si danno i fiori, amici.



di Pier Paolo Pasolini

domenica 24 luglio 2011

Lisbona - tram n° 28

Appena tornato da una vacanza in Portogallo condivido con voi due video girati sul famoso tram n° 28 di Lisbona...buon giro!


-----------------------------------------------------------------




lunedì 11 luglio 2011

game over o insert coin?

Ormai ci siamo, il punto cruciale è vicino, sapremo se siamo fuori dai giochi o ancora una volta troveremo una monetina per andare avanti un altro po', fino al prossimo checkpoint . Il sistema (a livello globale) ormai è saltato, è fuori controllo, non funziona più. Abbiamo allevato un mostro, ora è cresciuto ed è venuto a far danni. Siamo su un treno che corre corre corre, corre sempre di più, ogni volta facciamo salti mortali per inventarci un modo per tenerne il controllo ma lui accelera sempre di più, è sempre più difficile restare saldi sui propri sedili. Siamo ad una svolta: o il treno si rompe o gli corriamo dietro lasciando il problema a qualcun altro. Siamo messi mali e l'ora della verità non è lontana ma il bello è che gli altri, quelli che stanno bene, in realtà stanno solo meno peggio di noi!

lunedì 25 aprile 2011

ciclo delle maree o ritorno con i piedi sulla terra?

Ormai ho perso il conto di tutto quello che si è detto e che si dice sulla crisi economica, oggi possiamo dire di sicuro tre cose: la crisi economica c'è, non è finita e non si sa quando finirà. Forse possiamo dire anche una quarta cosa: probabilmente stiamo atterrando dopo un viaggio durato circa 10 anni.
Immaginate una persona in forma, ora questa persona inizia a mangiare di più e a fare meno esercizio fisico, nel giro di qualche tempo si troverà in sovrappeso. Pian piano il suo stomaco si abituerà ad ricevere un certo quantitativo di cibo e sembrerà la normalità. Un giorno questa persona si sveglia e decide di abbassare il suo peso, il suo stomaco brontolerà un bel po', ormai mangiare molto era diventato "normale".
Sicuramente stiamo passando un momento negativo ma forse era ciò che c'era prima che non corrispondeva alla realtà delle cose, un mondo ed una economia gonfiata all'inverosimile, un ritmo ed uno stile di vita che probabilmente non potevamo permetterci. Mi viene in mente una frase del film Codice Genesi, diceva più o meno così: "...avevamo troppe cose e non sapevamo apprezzarle...". Forse stiamo tornando con i piedi per terra, preparatevi all'atterraggio qualunque esso sia.

giovedì 24 marzo 2011

++

se dovessi pensare a tutti i momenti belli che sono stati,
se dovessi pensare a quello che farei,
se dovessi pensare a quello che avrei potuto fare,
se dovessi rifare tutto non capirei niente lo stesso,
rimane solo un sospiro in più ed ancora un passo avanti

Valencia las fallas 2011 - castillo notte 17/03/2011

Ecco il secondo ed ultimo video relativo ai fuochi notturni chiamati "castillo".


mercoledì 23 marzo 2011

Valencia las fallas 2011 - mascletà del 17/03/2011

Fresco del ritorno dal mio viaggio a Valencia per las fallas 2011, ho voluto subito caricare un paio di video di questa bella festa che si tiene nella Comunità Valenciana. A breve pubblicherò anche il secondo relativo al castillo notturno.